Pages Navigation Menu

Arte moderna e contemporanea

PREPARAZIONE PER UNA TELA O TAVOLETTA

Per prima cosa un pittore deve saper preparare il supporto su cui dipengere, perciò il primo argomento di cui parleremo è il metodo di preparazione di una tela o tavoletta. Occorrernte: COLLA DI CONIGLIO- a scaglie o a sfere- ACETO- OLIO DI LINO COTTO-MELASSA-GESSO DI BOLOGNA- CAOLINO SVOLGIMENTO: Gonfiare la colla di coniglio aggiungendo acqua da coprire tutta la superficie della colla e lasciare a riposo per 12/24 ore. Aggiungere una quantita’ di acqua proporzione di 1:7 o 1:5, mettere a bagnomaria in modo che la colla si sciolga nell’acqua. Aggiungere aceto (contro le muffe), melassa e olio di lino cotto (quest’ultimo solo se si sta usando una tela), in queste proporzioni: 1 kg colla di coniglio=1/2 aceto = 1 litro d’acqua =250 gr melassa,1 cucchiaio di olio di lino cotto Mescolare il tutto a bagnomaria, controllare se la colla comincia ad appiccicare. A questo punto se si lavora su tela, bisogna prima spalmare la – fiera di bue-, in modo tale da far attaccare la colla. Se si lavora la tavola, bisogna solo accertarsi che questa sia tenuta da avere le venature del legno in senso verticale.Spalmare uno strato di colla sulla tavoletta lasciandolo asciugare completamente bene. Mettere la colla tiepida in una bacinella ed aggiungere il gesso ed il caolino in modo omogeneo fino a quando la colla riesce ad assorbirli, in una proporzione di 4 parti di gesso di Bologna e 1 parte di caolino. Mescolare il tutto, a questo punto si puo’ decidere di colorare la carica(colla con il gesso) con dei pigmenti in polvere)terra d’ombra o ocra, a secondo del soggetto che eseguiremo), non bisogna pero’ gettare il pigmento direttamente nell acarica, ma prima va mescolato con acqua e solo dopo con la carica.Spalmare di seguito la carica in senso contrario a quello delle venature del legno e quindi in senso orizzontale, se si lavora su tavola, e in qualsiasi altro senso se si lavora su tela. Lasciare asciugare completamente. Continuare in questo modo per un numero dispari di strati cosi’ da finire nello stesso senso che si è iniziato. Attendere 2 o tre giorni e poi levigare la tela o la tavola con la carta vetrata(numero 320/280) e successivamente con una piu’ sottile 400; e’ preferibile per non sporcare utilizzare la carta vetrata spaziata di colore bianco. Successivamente levigare con la mano con movimenti circolari. La tela o la tavola è pronta a ricevere il disegno o la pittura.