Pages Navigation Menu

Arte moderna e contemporanea

TELE CHE SI CONTRAGGONO

Vi sono tele che facilmente, bagnandole, si contraggono e di conseguenza fanno raggrinzire e frantumare il colore, In questo caso si procederà così:
1) Anzitutto si pulirà la pittura con una spugna appena umida e si asciugherà subito.
2) Si darà al dipinto una buona mano di colletta alquanto densa e ben distesa e si apllicherà la solita carta se il quadro e piccolo, ed una mussolina se è grande, bisognerà portare attenzione in entrambi i casi a far distendere ed appianare sia l’una che l’altra.
Nel caso si metta la carta si farà così: quando è ancora umida si rivolterà la tela e si distenderà sopra ad una tavola ben liscia e piana e la si fisserà tutt’attorno con le bullette e si aspetterà che la carta asciughi completamente.
Invece se si applica la mussolina è necessario lasciare che questa si secchi perfettamente. La ragione di questa differenza sta nel fatto che mentre la carta seccandosi potrebbe far arrotolare la tela, non così avviene per la mussolina, ciò perchè nel seccare la carta tende a restringersi mentre i tessuti dilatano.
3) Si passerà quindi a distruggere la tela leggermente prima con una raspa e poi con la pomice riducendola alla metà del suo spessore.
O s s e r v a z i o n e. Se si guarda attentamente una tela qualunque, si vede che i fili di cui è composta si accavallano a vicenda. Quindi limando la tela si toglieranno tutti i fili nel punto in cui uno passa sopra l’altro, così facendo tutti i fili si ridurranno in tanti pezzetti di pochi mm., questi rimangono quindi incapaci di opporre la minima resistenza.
4) La tela ridotta allo stato di cui sopra non resisterebbe certo se abbandonata a se stessa, ma nel nostro caso si provvederà alla sua insufficienza applicandovi un’altra tela abbastanza robusta e quindi vi si distenderà della colletta in quantità sufficiente. Quest’ultima servirà ad assicurare i fili che si fossero alzati e ad amollire e a rendere la mestica elastica.
5) Preparata la tela nel modo suddetto si potrà passare alla foderatura che vedremo nell’articolo dedicato.