John Bonham, conosciuto anche come Bonzo

” IL COLORE DEL ROCK”

JOHN BONHAM DEI LED ZEPPELINhttps://www.virginradio.it/news/speciali/170506/Tutti-i-colori-del-Rock.html

Dopo aver ritratto due icone dell’universo musicale, Louis Armstronghttps://www.pixelartgalasso.it/2020/04/1096/ e Bob Marleyhttps://www.pixelartgalasso.it/2020/10/could-you-be-loved/, ho voluto omaggiare con questo mio dipinto Jhon Bonham, leggendario batterista dei Led Zeppelin, la cui musica è stata la colonna sonora della mia giovinezza.

Ho trasferito sulla tela le sensazioni che il ritmo della batteria suscitava in me a livello emotivo, per questo mi sono affidato al giallo e l’arancio, i colori che più degli altri sono sinonimo di vigore, energia ma anche disordine, tutto ciò che a mio avviso, meglio incarna il rock.

Bonham e il suo strumento sono una cosa sola e la luce che il dipinto irradia è quella sprigionata dalla figura di uno dei più influenti e talentuosi batteristi dell’universo rock.

Tra gli anni 70 e 80 si vociferava che il gruppo avesse stretto un patto con il demonio in cambio della fama e ciò non fece altro che alimentare il successo e il mistero.

Le scelte delle copertine come il il dipinto Evening- Tha Fall of Day di William Rimmer, raffigurante un angelo-demone su un cielo giallo arancione, gli stessi colori che ho utilizzato nell’eseguire il mio dipinto, raffigurano l’anima vera del gruppo.
Il giallo e l’arancio poi sono anche i colori del sole, della vita soprannaturale, della materializzazione della luce divina. I due colori simboleggiano il potere germinativo e sono stati utilizzati fin dalle antiche civiltà per rappresentarlo. Nella mitologia i caldi raggi solari sono considerati generatori di vita che sulla terra danno colore ai fiori, al grano, ai frutti maturi, al mais e al polline, tutte cose che tra l’altro sono poste sotto gli auspici del Sole.

Raffigurano come abbiamo detto il germogliare, il nascere di una vita nuova o semplicemente di un idolo della musica che suona la sua batteria nell’olimpo della musica rock.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *